e

La T Magazine

La rivista bimestrale phygital de La Toscanini

Disponibile gratuitamente in forma cartacea e digitale attraverso i canali web e social de La Toscanini.

La T Magazine/02 presenta un Toscanini politico: «simbolo musicale della democrazia militante».
Il 27 gennaio è una data particolare, segnata dalla nascita di Mozart e dalla morte di Verdi. Per il mondo è il Giorno della Memoria, che ricorda la liberazione di Auschwitz e ammonisce sui rischi del presente che stiamo attraversando, un presente duro e impietoso, che unisce la preoccupazione pandemica ad una profonda avversione per chi si affaccia ai confini dell’Europa in cerca di un futuro. Di questo occorre avere profonda consapevolezza, non solo per stigmatizzare il ribollire di un fenomeno antico e rinascente ma anche per comprenderne i motivi e i fattori scatenanti, oltre che i meccanismi di diffusione.
In questa consapevolezza, la lezione di Arturo Toscanini conserva tutta la sua attualità. Oggi ricordarne la vita “politica”, di illustre cittadino che non si nascose nell’ombra della sua arte ma che ne fece strumento di libertà, ci permette di esaminare il nostro tempo attraverso la luce di un prisma severo, poco incline ai compromessi con il male e altrettanto schivo ai riconoscimenti personali.
Ed è proprio la parola consapevolezza che ha guidato la costruzione di questo secondo numero de La T Magazine a cui hanno collaborato con i loro scritti: Maurizio Agamennone, Giulia Bassi, Paola Calvetti, Attilio Cantore, Marco Capra, Simone Di Crescenzo, Cristina Ferrari, Marta Godio, Anna Maria Meo, Daniele Palma, Cristina Portolano, Paolo Russo, Antonella Squarcia, Ruben Vernazza.

La cover di Davide Bart Salvemini, Visual Artist de La Toscanini per la Stagione 2021/2022, nella versione digital è costruita in versione dinamica sulle note di un estratto della Sinfonia n. 41 di Mozart.

I luoghi della cultura e della rappresentazione simbolica – artistica, teatrale e musicale – sono finalmente riaperti senza limitazioni. La disponibilità piena degli spazi teatrali ad accogliere nuovamente il pubblico deve rappresentare un richiamo e una possibilità che è necessario rivolgere davvero a tutti. Le ferite collettive, i traumi della società – ma anche i rischi e i pericoli che puntualmente ne derivano – vanno curati e sanati anche (ma verrebbe da dire: soprattutto) intensificando e amplificando la diffusione e la disponibilità di momenti aggregativi di qualità; quelli offerti dalla produzione artistica, con il loro carico di simbolo, costituiscono l’occasione per ognuno di noi di un’agnizione collettiva, che è passaggio obbligato per la ricostituzione di un tessuto sociale meno sofferente. È anche per questa ragione che abbiamo scelto la parola condivisione per caratterizzare questo primo numero del nuovissimo magazine de La Toscanini, pensato per dar vita a uno spazio di confronto e riflessione, oltre che di informazione. Uno strumento agile e complice, per assicurare un canale di comunicazione tra la stagione – i suoi contenuti, i suoi protagonisti – e il pubblico; per favorire percorsi e punti di visuale, rimandare a luoghi di approfondimento, attraverso un itinerario di porte virtuali, di QR code da vivere come occasioni di “tempo allargato” rispetto ai ritmi sempre più concitati delle nostre giornate. Un tempo, per così dire ‘lirico’, che Mariangela Gualtieri fissa nei bellissimi versi composti appositamente per La Toscanini: con il linguaggio proprio della poesia viene colta anche nel rapporto tra musica e ambiente, tra coscienza creativa e il nostro pianeta, la condizione di necessità dell’espressione musicale. Necessaria quindi non soltanto perché educa alla condivisione ma anche per l’armonia che riflette “l’ordine universale” fuori dal quale ci si smarrisce: è propriamente questo il pathos contemporaneo, che ritroviamo intatto nelle visioni potenti e catartiche di Davide Bart. Salvemini, che ci accompagneranno nei prossimi mesi, e che ci offrono colori nuovi con i quali rileggere percorsi da non dare più per scontati.
Il bisogno di arte, di cultura, di dialogo con la bellezza non vanno considerati accessori o accidentali doni del destino riservati a pochi, ma la modalità basilare di una consapevolezza che deve essere un diritto universale di ogni cittadino. È giusto creare il bisogno di consumo culturale, ma senza trattarlo come un semplice prodotto commerciale. Siamo consapevoli di dover creare le condizioni di una conoscenza diffusa e comprensibile, affinché l’incontro con l’occasione artistica sia avvertito come pratica quotidiana ed estremamente accessibile. Un’ordinarietà niente affatto scontata o banale, ma costitutiva e irrinunciabile, perché mai come oggi abbiamo bisogno di bellezza. È questa la musica necessaria per la quale La Toscanini sente di doversi spendere: “tu esisti musica – su questa terra. Bello questo”.

Alberto Triola
Sovrintendente e Direttore Artistico La Toscanini