• Diffondi la musica

“Facciamo presto… una Toccata e Fuga” musiche di Johann Sebastian Bach e figli con il quintetto di Ottoni della Filarmonica Arturo Toscanini al Ridotto del Teatro Regio di Parma.

Buy Ticket

Facciamo presto… una Toccata e Fuga

Ridotto del Teatro Regio

20 dicembre 2015, 11:00

PROGRAMMA / “Facciamo presto… una Toccata e Fuga”
musiche di Johann Sebastian Bach e figli

QUINTETTO DI OTTONI DELLA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI /
Trombe Matteo Beschi e Gianni Dallaturca
Trombone
Valentino Spaggiari
Corno
Fabrizio Villa
Tuba
Alberto Tondi

PROGRAMMA

Fuga in sol minore BWV 578
Aria sulla Quarta Corda (secondo movimento della Suite per Orchestra n. 3 in re maggiore BWV 1068)
Toccata e Fuga in re minore BWV 565
Corale Wachet auf, ruft uns die Stimme BWV 140
Swing Suite, tre rielaborazioni da Il Clavicembalo ben temperato:
I e II sul Preludio n.2 in do minore BWV 847
III sul Preludio n.8 in mi bemolle minore BWV 853

Istruzioni per l’ascolto
Fare musica in libertà. Il quintetto d’ottoni, un Ensemble singolare e imprevedibile, permette di proporre esecuzioni che coprono tutti i registri musicali, dal più acuto al più grave, come una piccola orchestra, con la possibilità di spaziare tra i generi: classico e cameristico, sacro e profano, fino a sviluppare contaminazioni con la musica blues e jazz. Parola d’ordine, per un ascolto attivo di ensemble di questo tipo, è la leggerezza per condividere lo spirito sperimentale con il quale il gruppo affronta la musica, superando anche i vincoli della più rigorosa tradizione che questa volta è rappresentata dal sommo Bach.

Peculiarità della presente esecuzione bachiana
I diversi colori strumentali, fanno apprezzare maggiormente la straordinaria maestria contrappuntistica dei brani, basati su un elaborato intreccio imitativo.
Bach: i segreti delle sue fughe e non solo….
Si trovano nascosti da una magica trama numerica. Gli studi sulla tecnica del contrappunto bachiano, hanno infatti svelato l’approccio matematico alla composizione. Nelle sue opere, come nella matematica, possiamo trovare sezioni auree, teoremi, proporzioni e riferimenti numerici specifici..
Come il numero 14
Si può ricondurre all’Arte della Fuga, (la fuga lasciata incompiuta è appunto la 14esima); alla Fantasia corale sul tema “Sto di fronte al tuo trono”, l’ ultima opera che Bach terminò, il cui tema è di 14 note, mentre l’ intera melodia di 41 che è l’ inverso di 14.
Il numero 14 nella vita del compositore
Nel 1747 Bach entra come 14° membro in un’associazione, nata con l’intento di riportare la musica alla sua origine pitagorica e di mostrarne i legami con la matematica. Nel celebre ritratto di Elias Gottlob Haussmann, indossa una giacca con 14 bottoni; e 14 è anche il risultato che si ottiene sommando le cifre che compongono il suo cognome: B=2, A=1, C=3, H=8, mentre la somma “J. S. Bach” = 41 infine Johann Sebastian Bach= 158: 1+5+8=14.
L’universo bachiano va oltre la musica: alcuni arditi accostamenti
Con le litografie di Maurits Cornelis Escher in cui figure e sfondo si scambiano i ruoli a seconda dei punti di vista. «Bach giocò con la ripetizione, la sovrapposizione, l’inversione, la riflessione, l’accelerazione e il rallentamento dei propri temi in maniera, per molti versi, paragonabile al mio rispecchiare per traslazione e scorrimento i “temi” di figure riconoscibili».
Con Le avventure di Alice di Lewis Carroll che sono intessute di trame matematiche, tranelli linguistici, riflessioni filosofiche. Sono strutturate proprio come il Clavicembalo ben temperato: 2 libri di 12 capitoli, incentrati sul gioco delle carte e su quello degli scacchi.
Ma la seduzione è assicurata! Ecco due piccoli esempi dal programma
La Toccata e Fuga in re minore: un’opera severa, eppure profondamente espressiva, nata dalla sua mente nel periodo giovanile.
Il Preludio n°8 (dal libro I del Clavicembalo ben temperato). La sola tonalità, mi bemolle minore, gli conferisce un fascino inconsueto, rafforzato dagli accordi arpeggiati, sullo sfondo dei quali emerga un duetto di voci che si rispondono. Si può considerare il primo “notturno” della storia della musica: un brano che possiede la magica luminosità di una notte stellata.

Prossimi spettacoli

21 gennaio - Concerti Aperitivo 2017/2018

Le viole della Toscanini

Brani di Šostakovič ,Schubert, Strauss, Puccini, Dvořák, Joplin, Mahler, eseguiti delle viole della Toscanini. 

Leggi tutto
26 gennaio - Stagione Lirica 2017/2018, Modena

Il Trittico

Torna in scena dopo 10 anni esatti dalla sua produzione Il Trittico di Puccini (Il Tabarro, Suor Angelica, Gianni Schicchi) con regia di Cristina Pezzoli. L’allestimento, uno dei più apprezzati del Teatro Comunale, venne pubblicato e messo in commercio in DVD da TDK/Rai Trade e andrà in scena questa volta con la direzione di Aldo Sisillo alla guida dell’Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna e il Coro del Teatro Comunale di Modena. Il titolo viene ripreso a cento anni dal suo debutto, avvenuto nel 1918 al Metropolitan di New York.

Leggi tutto