• ALPESH CHAUHAN

Le musiche  in programma appartengono al medesimo secolo, il XIX,  pur mostrando differenti modalità di scrittura, frutto di pensieri opposti  che a volte per qualche casualità, si possono sovrapporre…

BUY TICKET

L’Ottocento Sinfonico

Info e biglietteria
Tel. 0521 200145
biglietteria@fondazionetoscanini.it

09 luglio 2016, 21:30

PROGRAMMA/
Gioacchino  Rossini, Sinfonia da Il barbiere di Siviglia
Giuseppe Verdi, Sinfonia da La forza del destino
Johannes Brahms, Variazioni su un tema di Haydn, op. 56a
Ludwig van Beethoven, Sinfonia n. 5 op. 67

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI/

ALPESH CHAUHAN, direttore/Direttore Assistente dell’Orchestra Sinfonica di Birmingham, dal 2014 è si è fatto rapidamente conoscere sulla scena internazionale per l’intensità delle sue interpretazioni con le quali coinvolge sia musicisti sia il pubblico. Per questo motivo, in breve tempo, ha allacciato importanti relazioni con le principali orchestre europee; nel corso della sua carriera ha diretto la Netherlands Symphony Orchestra, la Manchester Camerata, la Kymi Sinfonietta, la Filarmonica Toscanini; ha realizzato un progetto con gli studenti del Royal Northern College of Music al Southbank Centre
di Londra, che comprendeva l’esecuzione del Double Sextet di Steve Reich. Recentemente ha debuttato con la BBC Scottish Symphony Orchestra e con la BBC Philharmonic Orchestra in diretta radiofonica con il Concerto per violino e orchestra Distant Light di Vasks e la Sinfonia n. 3 di Brahms, ricevendo un immediato invito per la stagione successiva. Nel corso di questa stagione è stato invitato inoltre dalla Kymi Sinfonietta, dalla Filarmonica Toscanini e dirigerà per la prima volta al Carlo Felice di Genova e al Maggio Musicale Fiorentino. In Francia debutterà con l’Orchestre de Lorraine di Nancy. La sua carriera professionale è iniziata nel 2005, quando si è unito alla CBSO Youth Orchestra come primo violoncello. Nel 2008 è stato ammesso al Royal Northern College of Music per studiare violoncello con Eduardo Vassallo prima di proseguire con la frequenza presso il prestigioso Masters Conducting Course, sotto gli auspici di Clark Rundell e Mark Heron. Consigliato da Andris Nelsons ha partecipato a masterclass con Juanjo Mena, Vasily Petrenko, e ha studiato con Stanislaw Skrowaczewski.

 

 

 

Le musiche in programma appartengo al medesimo secolo, il XIX, pur mostrando differenti modalità di scrittura, frutto di pensieri opposti che a volte per qualche casualità si possono sovrapporre. Succede proprio attraverso la parola  destino, tra Verdi e Beethoven, anche se potrebbe essere non del tutto appropriato per la sua Quinta: in ogni caso l’incipit della Sinfonia della Forza verdiana e quello del capolavoro beethoveniano sono tra i più conosciuti della storia della musica. Perché il dramma quando fa capolino (il fantomatico destino che bussa alla porta) deve essere percepito con chiarezza ed imprimersi nella mente dell’ascoltatore in modo indelebile. L’altro operista invece, non pensa ad entrare nel dramma o meglio nella commedia: infatti la Sinfonia non c’entra con il Barbiere, essendo stata composta e utilizzata precedentemente per l’Aureliano in Palmira e poi per Elisabetta, regina d’Inghilterra. Ma tutti noi, siamo innamorati della sua leggerezza legata all’idea del divertente girotondo a perdifiato con il quale Rossini avvolge il mondo della musica. Solo per questo era apprezzato da Beethoven che incontrò almeno una volta ….«Sollevando la testa, Beethoven mi disse bruscamente: -Ah Rossini, è lei l’autore del Barbiere di Siviglia? Le faccio i miei complimenti, è un’eccellente opera buffa; l’ho letta con piacere e mi sono divertito. Fino a che ci sarà un teatro d’opera italiano verrà eseguita. Non cerchi mai di fare altro che opere buffe; voler riuscire in un altro genere, significherebbe forzare il suo destino – » Ancora una volta….. c’entra il destino….. E da ultimo, il destino di Brahms è di essere considerato l’erede di Beethoven, quindi il depositario di un modo di comporre che vede, come motore primario, il principio della variazione: un principio che  Brahms squaderna nelle Variazioni op56, sperimentandolo con inappuntabile estro e impareggiabile arte, pur essendo soltanto agli inizi della sua carriera

Prossimi spettacoli

03 maggio - Educational 2017-2018

Tu chiamale se vuoi emozioni

Emozioni e Musica. Entra l’orchestra, inizia ad accordare: il “la” si fa sempre più scuro, le note cominciano ad inseguirsi, a plasmarsi l’una con l’altra. Il suono diventa sempre più forte, misterioso e cupo. Così comincia il concerto, alla ricerca dei segreti della musica che suggestiona, terrorizza o commuove. Esisteranno dei trucchi? delle tecniche stabilite?

Leggi tutto
04 maggio - Stagione Lirica Teatro Municipale Piacenza 2017/2018

Il Corsaro

A conclusione della Stagione operistica, Il Corsaro di Giuseppe Verdi approderà al Municipale il 4 e 6 maggio, a 170 anni dalla prima rappresentazione dell'opera (1848-2018). Il melodramma tragico verdiano su libretto di Francesco Maria Piave, tratto dall'omonima novella in versi di George Byron, sarà affidato alla direzione di Matteo Beltrami, sul podio dell'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna e del Coro del Municipale di Piacenza. La regia dello storico allestimento del Teatro Regio di Parma, che porta la firma del grande Lamberto Puggelli, è ripresa da Grazia Pulvirenti. Tra i protagonisti, giovani cantanti già affermati nei maggiori teatri: Simone Piazzola (Seid), Vincenzo Costanzo (Corrado), Jessica Nuccio (Medora), Roberta Mantegna (Gulnara), Cristian Saitta (Giovanni). La produzione è realizzata da Fondazione Teatri di Piacenza con Fondazione Teatro Comunale di Modena.

Leggi tutto