• CHAUHAN ALPESH

  • mario brunello

  • mario brunello

  • CHAUHAN ALPESH

  • mario brunello

  • Diffondi la musica

La Filarmonica Toscanini con Alpesh Chauhan (direttore d’orchestra) e Mario Brunello (violoncello) in un concerto dedicato a Myaskovsky e Brahms per Nuove Atmosfere.

Buy Ticket

Chauhan e Brunello

Auditorium Paganini, Parma
Potrai acquistare il biglietto on-line dal 5 novembre

03 marzo 2016, 20:30
05 marzo 2016, 20:30

PROGRAMMA / Nikolai Myaskovsky Concerto per violoncello e orchestra in do minore, op. 66
Johannes Brahms Sinfonia n.1 in do minore, op. 68
FILARMONICA ARTURO TOSCANINI / 

 

ALPES CHAUHAN, direttore / Alpes Chauhan dal 2014 è Direttore Assistente della City of Birmingham Symphony Orchestra; si è fatto rapidamente conoscere sulla scena internazionale per l’intensità con cui rivela la partitura ai musicisti come al pubblico, e ha allacciato importanti relazioni con le principali sale e orchestre europee. Durante la sua carriera ha diretto la Netherlands Symphony Orchestra, la Manchester Camerata, la Kymi Sinfonietta, la Filarmonica Toscanini e un progetto con gli studenti del Royal Northern College of Music al Southbank Centre, che comprendeva l’esecuzione del Double Sextetdi Steve Reich. Ha debuttato con la BBC Philharmonic Orchestra in diretta radiofonica con il Concerto per violino e orchestra Distant Light di Vasks e la Sinfonia n. 3 di Brahms, ricevendo un immediato invito per la stagione successiva. Nel maggio 2015 ha debuttato con la BBC Scottish Symphony Orchestra. Nella stagione 2015/16 Chauhan è invitato dalla BBC Philharmonic, dalla Kymi Sinfonietta, dalla Filarmonica Toscanini e dirigerà per la prima volta al Carlo Felice di Genova e al Maggio Musicale Fiorentino. In Francia debutterà con l’Orchestre de Lorraine di Nancy. Leggi la biografia completa di Alpesh Chauhan (per maggiori informazioni)

MARIO BRUNELLO, violoncello /  Nel 1986 è il primo artista italiano a vincere il Concorso Čaikovskij di Mosca che lo proietta sulla scena internazionale. Viene invitato dalle più prestigiose orchestre, tra le quali London Philharmonic, Munich Philharmonic, Philadelphia Orchestra, Mahler Chamber Orchestra, Orchestre Philharmonique de Radio-France, London Symphony, NHK Symphony di Tokyo, Kioi Sinfonietta, Filarmonica della Scala, Accademia di Santa Cecilia; lavora con direttori quali Valery Gergiev, Yuri Temirkanov, Riccardo Chailly, Vladimir Jurowski, Ton Koopman, Antonio Pappano, Manfred Honeck, Riccardo Muti, John Axelrod, Daniele Gatti, Myung-Whun Chung e Seiji Ozawa. Brunello si presenta sempre più di frequente nella doppia veste di direttore e solista dal 1994, quando fonda l’Orchestra d’Archi Italiana. Nell’ambito della musica da camera collabora con celebri artisti, tra cui Gidon Kremer, Yuri Bashmet, Martha Argerich, Andrea Lucchesini, Frank Peter Zimmermann, Isabelle Faust, Maurizio Pollini, Valery Afanassiev e l’Hugo Wolf Quartett. Leggi la biografia completa

 

Prossimi spettacoli

26 gennaio - Stagione Lirica 2017/2018, Modena

Il Trittico

Torna in scena dopo 10 anni esatti dalla sua produzione Il Trittico di Puccini (Il Tabarro, Suor Angelica, Gianni Schicchi) con regia di Cristina Pezzoli. L’allestimento, uno dei più apprezzati del Teatro Comunale, venne pubblicato e messo in commercio in DVD da TDK/Rai Trade e andrà in scena questa volta con la direzione di Aldo Sisillo alla guida dell’Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna e il Coro del Teatro Comunale di Modena. Il titolo viene ripreso a cento anni dal suo debutto, avvenuto nel 1918 al Metropolitan di New York.

Leggi tutto
28 gennaio - Stagione Lirica 2017/2018, Modena

Il Trittico

Torna in scena dopo 10 anni esatti dalla sua produzione Il Trittico di Puccini (Il Tabarro, Suor Angelica, Gianni Schicchi) con regia di Cristina Pezzoli. L’allestimento, uno dei più apprezzati del Teatro Comunale, venne pubblicato e messo in commercio in DVD da TDK/Rai Trade e andrà in scena questa volta con la direzione di Aldo Sisillo alla guida dell’Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna e il Coro del Teatro Comunale di Modena. Il titolo viene ripreso a cento anni dal suo debutto, avvenuto nel 1918 al Metropolitan di New York.

Leggi tutto