• Sala dei Teatini

Diffondi la musica

La chiesa teatina di Piacenza fu consacrata dal vescovo Claudio Rangoni nel 1612, proprio nel luogo dove esisteva la duecentesca chiesa di S. Vincenzo, ancora in attività e adiacente al secondo chiostro di S. Antonino. Al termine di due anni di lavori ininterrotti, nel corso dei quali è stato compiuto il restauro dell’edificio e di tutti i suoi affreschi, riapre l’ex chiesa di San Vincenzo ora chiamata Sala dei Teatini. Conclusi i lavori di restauro, un progetto d’avanguardia, ha trasformato l’ex chiesa in un moderno auditorium.

E’ sala prove per l’Orchestra Giovanile “L.Cherubini” diretta dal maestro Muti.

All’interno, a tre navate, un ciclo ad affresco (1706-12) con opere di figura di Robert De Longe (Bruxelles 1646- Piacenza 1709) e di Giovan Evangelista Draghi (Genova 1654-1712), di quadratura dei piacentini Andrea e Giambattista Galluzzi, mentre la volta a botte della navata centrale (1760-1) è affrescata dai lombardi Felice Biella (quadratura) e Federico Ferrario (figura). In zona presbiteriale si ricordano le tre scene del martirio di S. Vincenzo dipinte dal già citato Roberto de Longe.