Guida all’ascolto: Le quattro sinfonie di Brahms

Alpesh Chauhan alla guida della Filarmonica affronta le quattro sinfonie di Brahms in quattro imperdibili serate all’Auditorium Paganini.  

Gli appuntamenti:

Giovedì 11 gennaio 2018 – ore 20.30 – Sinfonie 2 e 4 – Turno Verde
Venerdì 12 gennaio 2018 – ore 20.30 – Sinfonie 3 e 1 – Turno Verde
Domenica 14 gennaio 2018 – ore 20.30 – Sinfonie 2 e 4 – Turno Rosso
Martedì 16 gennaio 2018 – ore 20.30 – Sinfonie 3 e 1 – Turno Rosso

Scarica e sfoglia il libretto di sala

Brahms le scrisse in nove anni, tra il 1876 ed il 1885, e presentò la sua Prima Sinfonia quando aveva 43 anni ed era già riconosciuto come uno dei maggiori compositori europei. L’attesa per questo esito era grandissima. il musicista era già famoso ovunque, ma non si era ancora cimentato nel genere strumentale più illustre, quello che laureava definitivamente un compositore, seguito dal pubblico delle grandi città tedesche con lo stesso interesse riservato in Italia a una “prima” operistica. La strada che portava alla Prima Sinfonia era stata lunga e percorsa da Brahms con grande circospezione: la Sinfonia era già stata abbozzata nel 1855. Chi si avventurava a scrivere una Sinfonia nella seconda metà dell’Ottocento sapeva bene che la riuscita si giocava sull’originalità con cui i movimenti erano predisposti e collegati fra loro; per colpire un pubblico smaliziato dalla fortuna del poema sinfonico e del dramma musicale wagneriano, una certa dose di “progressismo” e intellettualismo ci voleva anche per uno come Brahms, che poco si curava di quegli spauracchi e in apparenza era tutto fedeltà ai canoni classici della musica pura.

 

 

Consigli per l’ascolto 

Sinfonia n.1
NBC Symphony Orchestra, New York ///Arturo Toscanini direttore

Sinfonia n.2
Vienna Philharmonic Orchestra /// Carlos Kleiber direttore

Sinfonia n.3
Staatskapelle Dresden /// Claudio Abbado direttore

Sinfonia n.4
Staatskapelle Berlin /// Carlo Maria Giulini direttore
(Basilika des Kloster, Eberbach, 29 6/1996)

Editoriale/
09/01/2018