Yesterday, Storia dell’uomo che uccise i Beatles. Alessandro Haber nel ruolo Mark David Chapman l’assassino di John Lennon.

BUY TICKET

YESTERDAY: Storia dell’uomo che uccise i Beatles

Auditorium Paganini
Giovedì 14 luglio ore 21.30
All'esterno dell'Auditorium Paganini, dal tardo pomeriggio, verrà allestito un bar con musiche dal vivo

14 luglio 2016, 21:30

ALESSANDRO HABER nel ruolo di Mark David Chapman
GIAMPAOLO BANDINI, chitarra
FILARMONICA ARTURO TOSCANINI
ROBERTO MOLINELLI, direttore
soggetto e testo di STEFANO VALANZUOLO
In collaborazione con PARMACONCERTI – FONDAZIONE RAVELLO

musiche dei Beatles trascritte e arrangiate da ROBERTO MOLINELLI 

8 dicembre 1980: l’inizio di un incubo, per Mark David Chapman; la fine di un sogno, per milioni di fan.
Sogni ed incubi si intrecciano nella mente di Mark David Chapman, l’assassino di John Lennon. Era un bambino, Mark, quando i Beatles volarono finalmente negli States. Si invaghì di John, del suo stile così alternativo rispetto a quello di Paul. Si innamorò di canzoni all’apparenza innocue, ma capaci di scalfirgli l’anima.

 

“Non posso credere che sia morto. Lui mi ha aiutato a vivere tante volte …”

Non avrebbe rinunciato a quella musica per nulla al mondo. A costo di consegnarla alla storia, preservandola per sempre, con cinque colpi di pistola. Si dice che a chi muoia scorra, in un istante, tutta la vita davanti. Nelle ore trascorse ad attendere John, davanti all’ingresso del Dakota Hotel, Chapman ripercorre – come in un flashback estremo – quel sogno condiviso con milioni di ragazzi di tutto il mondo, ritrovando le canzoni, le frasi ed i gesti che hanno segnato un’epoca ma non lo hanno aiutato, forse, a vivere tante volte …

 

Prossimi spettacoli

27 settembre - Festival Verdi 2018

MACBETH

Nel nuovo allestimento di Daniele Abbado, la prima versione verdiana nell'edizione critica di David Lawton interpretata, tra gli altri, da Luca Salsi, Michele Pertusi, Anna Pirozzi diretti da Philippe Auguin.

Leggi tutto
30 settembre - Festival Verdi 2018

ATTILA

Riccardo Zanellato, Maria José Siri, Vladimir Stoyanov per la profonda analisi interpretativa di Andrea de Rosa, con scene di Aurelio Colombo e la direzione di Gianluigi Gelmetti.

Leggi tutto