• EVGENI BOZAHNOV

  • JURAI VALČHUA

  • Diffondi la musica

Juraj Valčuha dirige il Concerto commemorativo della morte di Arturo Toscanini  in programma:  il concerto per pianoforte di  Ludwig van Beethoven eseguito da Evgeni Bozhanov  e i poemi sinfonici di Ottorino Respighi, Le Fontane e i Pini di Roma. 

BUY TICKET

Valčuha e Bozhanov

15 gennaio 2017, 17:00
16 gennaio 2017, 20:30

PROGRAMMA/
Ludwig van Beethoven
Concerto n.3 in do minore per pianoforte e orchestra op.37
Ottorino Respighi
Fontane di Roma poema sinfonico
Pini di Roma poema sinfonico

EVGENI BOZHANOV, pianoforte/
Nato a Russe in Bulgaria, nel 1984, Evgeni Bozhanov ha iniziato la sua formazione musicale all’età di sei anni. Il suo debutto in pubblico avviene all’età di dodici anni nella sua città natale, esibendosi al pianoforte con un concerto di Mozart.
Tra il 1996 e il 2010, quando la sua carriera concertistica è in pieno sviluppo, si trasferisce in Germania per studiare e consegue premi in numerosi concorsi inclusi lo Sviatoslav Richter a Mosca, il Queen Elisabeth a Bruxelles e il Van Cliburn a Fort Worth, Texas. Sebbene fosse il favorito dal pubblico al Concorso pianistico internazionale Chopin di Varsavia nell’ottobre 2010, non vinse il primo premio, ne seguirono un dibattito controverso sulla stampa polacca e numerosi inviti dai maggiori promotori di concerti polacchi e dalle orchestre. Recentemente si è esibito a Bruxelles e in tournée in Giappone con il Concerto per pianoforte e orchestra n°3 di Beethoven e il Concerto n°1 di Chopin. Ha partecipato alla terza stagione di Abu Dhabi Classics con l’Orchestra Nazionale della RAI. Ha inaugurato il Festival di Sofia nel maggio 2011 con un “solo recital” e ha suonato al Festival de Piano di Lille nonché al Festival La Roque d´Anthéron e al Bad Kissingen Summer Festival.  In agosto a Varsavia, suonerà un recital che farà l´oggetto di un CD, nonchè concerti con la Filarmonica di Varsavia. (Leggi la biografia completa)

JURAJ VALČUHA, direttore/ è Direttore principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai dal 2009. Nato nel 1976 a Bratislava vi studia composizione e direzione e prosegue gli studi a San Pietroburgo con Ilya Musin e a Parigi. Nel 2006 debutta con l´Orchestre National de France e al Comunale di Bologna con La bohème. Viene regolarmente invitato dalle maggiori compagini internazionali quali i Münchner Philharmoniker, la Philharmonia di Londra, la Filarmonica di Oslo, la DSO di Berlino, la Gewandhaus di Lipsia, l’Orchestra della Radio Svedese, la Staatskapelle di Dresda, la Pittsburgh
Symphony, la Los Angeles Philharmonic, la San Francisco Symphony, la National Symphony di Washington, la New York Philharmonic, la Filarmonica di Berlino, l´Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam, l’Orchestra del Maggio Musicale e dell’Accademia di Santa Cecilia. Con l´OSN Rai ha effettuato tournée al Musikverein di Vienna, alla Philharmonie di Berlino, nella stagione di Abu Dhabi Classics, al Festival Enescu di Bucarest, a Verona e a Rimini. Nel 2017 effettuerà il suo debutto con la Chicago Symphony e la Cleveland Orchestra, e raggiunggerà le orchestre di San Francisco, Pittsburgh, Montréal, nonché l’Orchestre National de France, l’Orchestre de Paris, le Orchestre di Radio Francoforte, Amburgo NDR, Konzerthaus Berlin, Philharmonia di Londra e Santa Cecilia. In campo operistico dirigerà Faust a Firenze, Peter Grimes a Bologna, Elektra e Carmen al San Carlo di Napoli. (Leggi la biografia completa)

Prossimi spettacoli

24 marzo

Arturo Toscanini, vita, immagini, ritratti

In occasione delle Celebrazioni del 150° anniversario della nascita di Arturo Toscanini, presso la Sala Consigliare del Comune di Parma si terrà la presentazione della nuova edizione del volume a cura della Fondazione Arturo Toscanini in collaborazione con la Casa della Musica del Comune di Parma, Edito da Grafiche Step

Leggi tutto
24 marzo

Arturo Toscanini, in viaggio controvento

La vita di Arturo Toscanini, brevemente narrata nella mostra allestita nel centro civile e simbolico della Città di Parma, fu un viaggio lungo e avventuroso. Un viaggio triplice, attraverso le speranze e le tragedie del suo tempo, nello spazio fisico e poi etereo del pianeta, verso le profondità e gli aneliti di uno spirito capace di segnare indelebilmente la storia dell’interpretazione musicale. Un viaggio compiuto grazie al soffio di una vocazione unica e all’energia di un amore infinito per l’arte e la libertà, ma non di rado controvento.

Leggi tutto