• UGO PAGLIAI

  • Quartetto Saxofollia

Ugo Pagliai darà voce a testi poetici di autori  parmigiani del Novecento accompagnato da musiche di Vivaldi, Verdi, Gershwin, Bernstein, Puccini, Rossini eseguite dall’ensemble Saxofollia 

INFORMAZIONI

Parma, sulle Note della Poesia: Il Novecento

Ingresso Gratuito

21 giugno 2017, 21:00

Poesie di Artoni, Pezzani, Bacchini, Bevilacqua, Bertolucci, Conti, Cusatelli
Letture di UGO PAGLIAI

FABRIZIO BENEVELLI, Sax soprano
GIOVANNI CONTRI,
Sax contralto 
MARCO FERRI,
Sax tenore
ALESSANDRO CREOLA,
Sax baritono

PROGRAMMA/

A. Vivaldi – Concerto in la maggiore RV 158
G. Verdi – Bohemienne
G. Gershwin – Porgy and Bess, selezione
L. Bernstein – West Side Story, Balcony Scene
G. Puccini – “Vissi d’arte” selezione di arie da Bohème, Tosca e Turandot
G. Rossini – Barbiere di Siviglia, ouverture

 

QUARTETTO SAXOFOLLIA 

Il quartetto Saxofollia è una delle realtà cameristiche più attive e riconosciute in Italia.  Primo premio a 8 concorsi nazionali ed internazionali, dal 1993 svolge una intensa attività concertistica partecipando ad importanti manifestazioni tra cui Concerti in Campidoglio (Roma), XVII Festival internazionale del Saxofono (AP), Note di Passaggio (Amici della Musica), Festival Jazz in’It, Festival Musicale Estense (MO), Festival Villa Solomei (PG), Concerti di Cortile Mercato Vecchio (VR), Concerti in Villa-Circolo Culturale Bellunese (BL), Soli deo Gloria (RE), Arte Musica Roana (VI), Festival Verdi (PR), 14th World Saxophone Congress (Ljubliana). I componenti di Saxofollia collaborano da anni con prestigiose orchestre Sinfoniche come La Fenice di Venezia, C. Felice di Genova, Filarmonica della Scala di Milano, Arena di Verona, Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Comunale di Bologna, Orchestra Regionale Dell’Emilia Romagna, Sinfonica di Sanremo, Orchestra della Svizzera Italiana. Il quartetto vanta una vasta serie di collaborazioni con solisti di fama internazionale come Mario Marzi, Eugene Rousseau, Federico Mondelci, Corrado e Andrea Giuffredi, Luca Vignali, Flavio Boltro, Stjepko Gut, Anna Maria Chiuri, Marco Pierobon.
Fermamente convinti della fruttuosità che porta la collaborazione fra musicisti sono motore propulsivo di diversi progetti ad organico allargato tra cui “Like Strings” (con oboe e clarinetto solisti), “Bach Plays Sax” (progetto originale per 5 sax e batteria) “Saxofollia e Stefania Rava” (per 4 sax e voce), “Happy End” (per voce sola, voce recitante ed ensamble strumentale).
Saxofollia incide i dischi Omaggio a J. Françaix, Like Strings, On The Reed, Vissi D’arte, Into the Trumpet ed Estate disponibili anche su iTunes, Amazon e Spotify. Recentemente alcuni loro brani sono entrati nella “iTunes Top 100 Chart” dei più venduti in paesi come Canada e Giappone. (Scopri di più)

 

Inventato nel 1841 e brevettato il 22 giugno del 1846 da Adolphe Sax, il sassofono ha avuto una rapida espansione in moltissimi generi musicali. E dunque perché non impiegare le sue doti di espressività e duttilità, per trasmettere in modo nuovo l’immediata carica racchiusa da certi capolavori dell’opera lirica? E così il concerto della Saxofollia, partendo da Vivaldi, esalta lo stile italiano che nell’800 trova nell’opera la sua massima espressione, in quei melodrammi  di Rossini, Verdi e Puccini che hanno fatto della nostra lirica un punto d’eccellenza. I quattro sassofoni ce lo ricordano, suonando – e sempre con delle trascrizioni ad hoc-, anche colonne sonore di musica da film firmate dai nostri tre Rota, Morricone Piovani. Un ensemble alternativo al cui invito non si può declinare, in quanto offre un viaggio piacevole alla riscoperta di musiche conosciute ma che non si finiscono mai di apprezzare- e fascinoso, se pensiamo alla ricerca espressiva insita nelle colonne sonore, incastonate tra altri conclamati capolavori.

Prossimi spettacoli

22 aprile - Concerti Aperitivo 2017/2018

Trio d’archi con flauto e arpa

Un affascinante confronto tra le raffinate suggestioni  del più geniale reinterprete del tango della seconda metà del XX secolo, Astor Piazzolla, e le particolari contaminazioni musicali delle composizioni di Jean Cras 

Leggi tutto
03 maggio - Educational 2017-2018

Tu chiamale se vuoi emozioni

Emozioni e Musica. Entra l’orchestra, inizia ad accordare: il “la” si fa sempre più scuro, le note cominciano ad inseguirsi, a plasmarsi l’una con l’altra. Il suono diventa sempre più forte, misterioso e cupo. Così comincia il concerto, alla ricerca dei segreti della musica che suggestiona, terrorizza o commuove. Esisteranno dei trucchi? delle tecniche stabilite?

Leggi tutto