• Diffondi la musica

Dramma lirico in quattro atti di Alfredo Catalani su libretto di Luigi Illica dal romanzo La wally dell’avvoltoio di Wilhelmine von Hillern.

BUY TICKET

La Wally

Teatro Municipale Valli, Reggio Emilia

03 marzo 2017, 20:00
05 marzo 2017, 15:30

Personaggi e Interpreti

Wally: Anna Pirozzi
Stromminger: Giovanni Battista Parodi
Afra: Carlotta Vichi
Walter: Serena Gamberoni
Giuseppe Hagenbach: Zoran Todorovich
Vincenzo Gellner: Claudio Sgura
Il Pedone di Schnals: Mattia Denti

Francesco Ivan CIAMPA, direttore
Nicola BERLOFFA, regia

Fabio CHERSTICH, scene
Valeria Donata BETTELLA, costumi
Marco GIUSTI, luci

ORCHESTRA REGIONALE DELL’EMILIA ROMAGNA
CORO DEL TEATRO MUNICIPALE DI PIACENZA
Corrado CASATI, maestro del coro

Coproduzione Fondazione Teatri di Piacenza
Fondazione Teatro Comunale di Modena
Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, Teatro del Giglio di Lucca
Nuovo allestimento

Durata dello spettacolo: 2 ore e 50 minuti, compresi due intervalli

La Wally di Alfredo Catalani va in scena in un nuovo allestimento che nasce a Piacenza in coproduzione con Modena, Reggio Emilia e Lucca, città natale del compositore. Il titolo è il più noto del catalogo di Catalani e una pagina celebre della produzione operistica che diede vita, fra Otto e Novecento, ai capolavori di Puccini, Mascagni e Leoncavallo. L’opera è intimamente legata al colore caratteristico delle alpi tirolesi, dov’è ambienta la vicenda. Lo spettacolo, curato nella parte musicale da Francesco Ivan Ciampa, porta la regia di Nicola Berloffa.

Prossimi spettacoli

24 marzo

Arturo Toscanini, vita, immagini, ritratti

In occasione delle Celebrazioni del 150° anniversario della nascita di Arturo Toscanini, presso la Sala Consigliare del Comune di Parma si terrà la presentazione della nuova edizione del volume a cura della Fondazione Arturo Toscanini in collaborazione con la Casa della Musica del Comune di Parma, Edito da Grafiche Step

Leggi tutto
24 marzo

Arturo Toscanini, in viaggio controvento

La vita di Arturo Toscanini, brevemente narrata nella mostra allestita nel centro civile e simbolico della Città di Parma, fu un viaggio lungo e avventuroso. Un viaggio triplice, attraverso le speranze e le tragedie del suo tempo, nello spazio fisico e poi etereo del pianeta, verso le profondità e gli aneliti di uno spirito capace di segnare indelebilmente la storia dell’interpretazione musicale. Un viaggio compiuto grazie al soffio di una vocazione unica e all’energia di un amore infinito per l’arte e la libertà, ma non di rado controvento.

Leggi tutto