• Marcus Bosch

  • anna tifu

La bellissima e talentuosa Anna Tifu interprete del concerto per violino in re maggiore di Brahms. Sul podio il direttore Marcus Bosch a dirigere la Filarmonica Arturo Toscanini. A completare il programma L’Ouverture da Genoveva e la  Sinfonia n. 2 di Schumann. 

BUY TICKET

Bosch e Tifu

Auditorium Paganini
Potrai acquistare il biglietto on-line dal 6 novembre

02 dicembre 2016, 20:30
03 dicembre 2016, 20:30

PROGRAMMA /

Robert Schumann
Ouverture da Genoveva
Johannes Brahms
Concerto in re maggiore per violino e orchestra op. 77
Robert Schumann
Sinfonia n. 2 in do maggiore op. 61

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI / 

 

MARCUS BOSCH, direttore/ è stato direttore generale del Teatro Bavarese e della Filarmonica di Norimberga fino al 2011. Dopo l’esordio in Germania con la Filarmonica di Rhineland-Paltinate all’età di 24 anni, Bosch – tedesco con origini brasiliane – decide di intraprendere la carriera di direttore d’orchestra, che lo porta ei teatri di stato di Wiesbaden, Saarbrücken e la Halle State Orchestra . Dal 2002 al 2012 Marcus Bosch è stato direttore ad Aquisgrana, che ha lanciato la sua carriera internazionale. Ha diretto alcune delle più importanti orchestre in Europa, Asia e America, tra cui la Staatskapelle di Dresda, la Munich Philharmonic Orchestra, l’Orchestra Nazionale del Belgio, la Philharmonic Orchestra di Lussemburgo,, l’Orchestra Nazionale di Lione, l’ Orchestre de la Suisse Romande, l’Orchestra Nazionale della RAI di Torino, la Radio Symphony Orchestra di Berlino, la MDR Symphony Orchestra, e la Deutsche Radiophilharmonie. Marcus Bosch è apparso come direttore ospite in diverse compagnie d’opera, tra cui
la Saxon State Opera, , la Komische Oper di Berlino, il Teatro di Basilea, il Göteborg Opera e la Filarmonica Teatro Verona (Tristan und Isolde). E’ ospite regolare dell’Hamburg State Opera, , dove dal suo debutto con Fidelio nel 2005 ha diretto Die Entführung aus dem Serail, Der Freischütz, Falstaff, Macbeth, e Der fliegende Holländer. Dallo studio delle sue performance, le sue interpretazioni si presentano spesso ai livelli di Brahms, Wagner e Bruckner, rivisitati – secondo i critici musicali – sotto una nuova luce. Nel corso degli ultimi anni sviluppa una vasta discografia, anche a livello internazionale, che comprendono registrazioni delle sinfonie di Johannes Brahms e Anton Bruckner, così come un DVD di Wagner, Die Meistersinger von Nürnberg, registrato al Teatro di Stato di Norimberga. Dal 2010 Marcus Bosch lavora anche come direttore artistico al festival di Heidenheim – la sua città natale – dirigendo l’orchestra del festival, Cappella Aquileia. (Leggi la biografia completa)

ANNA TIFU, violino /  è considerata una delle giovani interpreti italiane più apprezzate della sua generazione.A undici anni ha debuttato come solista con l’orchestra National des Pays de la Loire. A dodici anni debutta alla Scala di Milano con il Concerto n.1 di Max Bruch. Nel 1994 vince il 1° Premio con Menzione Speciale di Merito alla Rassegna di Vittorio Veneto.
Nel 1996 vince con Menzione Speciale della giuria il Concorso indetto dalla Societa’ Umanitaria di Milano. Nel 1997 al Concorso Internazionale di Kloster Schontal,in Germania, vince tre premi fra cui il premio per la piu’ giovane vincitrice e quello per la migliore esecuzione di Bach. Sempre nel 1997 vince nel Conservatorio Santa Cecilia di Roma,con Menzione Speciale,il concorso indetto dalla S.I.A.E.per i migliori alunni dei Conservatori Italiani. All’eta’ di quattordici anni vince il 1° premio al Concorso Internazionale Viotti Valsesia e nello stesso anno vince il 1° premio al Concorso Internazionale M.Abbado di Stresa. Si diploma appena quindicenne al Conservatorio di Cagliari con il massimo dei voti e la Menzione d’Onore. Nel 2007 vince il premio Donna Sarda dell’anno e il 1° premio al prestigioso Concorso Internazionale George Enescu di Bucarest in Romania,aggiudicandosi anche il premio per la piu’ giovane fra i premiati.

Prossimi spettacoli

27 settembre - Festival Verdi 2018

MACBETH

Nel nuovo allestimento di Daniele Abbado, la prima versione verdiana nell'edizione critica di David Lawton interpretata, tra gli altri, da Luca Salsi, Michele Pertusi, Anna Pirozzi diretti da Philippe Auguin.

Leggi tutto
30 settembre - Festival Verdi 2018

ATTILA

Riccardo Zanellato, Maria José Siri, Vladimir Stoyanov per la profonda analisi interpretativa di Andrea de Rosa, con scene di Aurelio Colombo e la direzione di Gianluigi Gelmetti.

Leggi tutto